ANAS NOTIZIE

Anno 2006 – Numero 11

 

 

 

Sommario

 

·      SUINICOLTURA ITALIANA
Il bilancio del primo semestre

 

·      PRODUZIONE E PREZZI DEI CAPI SUINI IN EUROPA
Le previsioni del Gruppo di lavoro riunitosi a Bruxelles lo scorso mese di ottobre

 

·      MERCATO SUINI, CARNI E MATERIE PRIME PER MANGIMI
Andamento dei prezzi nei primi nove mesi 2006

 

·      MEDICINALI VETERINARI
La questione dell’Art.81, Comma 2, del  D.LGS. 193/06

 

·      SUINI CINTO TOSCANO DOP: ACCORDATA LA PROTEZIONE TRANSITORIA

 

·      PROSCIUTTI DOP

 

·      INTENSO PROGRAMMA DI RIUNIONI

 

·      PASSERELLA VERRI I.A. ED ASTA

·      TIPI GENETICI AUTOCTONI – CONVEGNI

 

·      NOVITA’ DELL’ALBO DEI REGISTRI SUINI RIPRODUTTORI IBRIDI


 

 

 

SUINICOLTURA ITALIANA

Il bilancio del primo semestre

 

Nel primo semestre dell’anno in corso nei circuiti tutelati dei prosciutti di Parma e di San Daniele sono stati certificati 4.392.000 capi suini, il 2% in meno rispetto allo stesso semestre del 2005, mentre secondo i dati Eurostat in Italia la produzione suinicola sarebbe aumentata del 2,2%, per un totale di 6.273.000 capi suini prodotti nel periodo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Aumenta del 12,4% il valore complessivo della produzione suinicola italiana che dovrebbe aggirarsi intorno a 1.099,347 milioni di €.

Il numero dei suini macellati nel semestre è pari 6.622.933 capi (+3,4%) di questi, 349.933 capi sono di provenienza estera, in aumento del 30,7% rispetto al primo semestre 2005.

Oltre all’importazione di capi vivi, è in aumento anche l’import di carni: nei primi sei mesi dell’anno si sono importati 26.245 t di suini (equivalenti a circa 282.600 capi) e 457.110 t di carni, in aumento rispettivamente del 30,1% e del 7,8% rispetto allo scorso anno. Il valore complessivo delle importazioni è di circa 924.847 milioni di € (+21% rispetto al 2005).

I volumi delle esportazioni rimangono invece sostanzialmente invariati essendo cresciuti solo dello 0,9% rispetto al primo semestre del 2005, mentre aumenta del 4% il loro valore, pari a circa 400.023 milioni di €.

Quanto ai consumi, si stima che nel semestre siano state consumate 1.103.783 t EC (equivalente carcassa) corrispondente ad un consumo pro-capite di 18,88 kg. Rispetto al primo semestre del 2005 i consumi sarebbero pertanto cresciuti del 4,9%.

L’aumento dei consumi ha determinato una flessione pari al 2,9% del nostro tasso di autoapprovvigionamento che nei primi sei mesi dell’anno è stato del 66,2%.

 


 

 

PRODUZIONE E PREZZI DEI CAPI SUINI IN EUROPA

Le previsioni del Gruppo di lavoro riunitosi a Bruxelles lo scorso mese di ottobre

 

Per quanto concerne le produzioni, in Europa il 2006 dovrebbe chiudersi con una sostanziale stabilità dei livelli produttivi: nei 25  Stati membri, l’Eurostat segnala aumento della produzione pari allo 0,3%, mentre nella vecchia Europa a 15 Stati la previsione è di un calo dello 0,4%. Tale situazione dovrebbe proseguire per tutto il primo trimestre del 2007, in cui si dovrebbe confermare la stabilità della produzione.

 

Tra i Paesi maggiori produttori, il 2006 dovrebbe chiudersi con un bilancio negativo per Germania (-1,9% rispetto al 2005), Francia (-0,8%) e Belgio (-6,7%). Aumentano invece le produzioni della Spagna (+2,1%), dell’Olanda (+0,8%) e soprattutto della Polonia che dovrebbe passare dai 22,773 milioni di capi prodotti nel 2005 ai 24,630 milioni di capi del 2006, con un incremento dell’8,2%. Probabilmente parte di questo incremento produttivo sarà assorbito dagli altri Paesi dell’Est Europeo come l’Ungheria e la Repubblica Ceca che, al contrario della Polonia, hanno ridotto le loro produzioni suinicole rispettivamente del 2,7% e del 4,8%.

 

Nei primi mesi del 2007 è previsto un lieve recupero dei livelli produttivi in Germania e nel Regno Unito, un ulteriore aumento per la Polonia, mentre la Spagna dovrebbe diminuire le proprie produzioni, come pure la Francia, l’Ungheria e la Repubblica Ceca.

 

Per quanto concerne l’Italia, l’anno 2006 si dovrebbe concludere con una situazione di stabilità passando da una produzione di 12,508 milioni di capi a una produzione di 12,544 milioni, solo lo 0,3% in più. La stabilità delle produzioni dovrebbe interessare anche il primo trimestre del 2007, con un incremento pari all’1% rispetto allo stesso periodo del 2006.

 

 

PRODUZIONE DI CAPI SUINI

 

2005/2006 

2006/2007

Totale anno

1° trimestre                                                         (gennaio-febbraio-marzo)

2° trimestre                                                        (aprile-maggio-giugno)

Paesi

2005

2006

Diff.% 06/05

2006

2007

Diff.% 07/06

2006

2007

Diff.% 07/06

Germania

43.619

42.804

-1,9

10.626

10.650

0,2

10.548

10.700

1,4

Spagna

38.104

38.891

2,1

9.627

9.259

-3,8

9.235

 

 

Francia

25.917

25.713

-0,8

6.633

6.600

-0,5

6.240

6.220

-0,3

Danimarca

25.759

25.831

0,3

6.761

6.650

-1,6

6.035

6.150

1,9

Olanda

20.670

20.830

0,8

5.260

5.290

0,6

5.170

 

 

Italia

12.508

12.544

0,3

3.331

3.365

1,0

2.808

 

 

Regno Unito

8.828

8.837

0,1

2.191

2.243

2,4

2.219

 

 

Belgio

10.671

9.957

-6,7

2.653

 

 

2.627

 

 

Portogallo

4.861

4.907

0,9

1.134

1.120

-1,2

1.160

1.169

0,8

Austria

4.746

4.757

0,2

1.189

1.200

0,9

1.168

1.170

0,2

Grecia

2.167

2.135

-1,5

529

532

0,6

433

431

-0,5

Finlandia

2.403

2.425

0,9

613

619

0,9

570

575

1,0

Svezia

3.160

3.004

-4,9

773

741

-4,1

749

725

-3,2

Irlanda

3.095

3.007

-2,8

750

750

0,0

743

743

0,0

Lussemburgo

122

127

4,1

30

31

3,3

28

 

 

Ungheria

4.644

4.520

-2,7

1.200

1.170

-2,5

1.050

 

 

Repubblica Ceca

4.350

4.142

-4,8

1.035

1.010

-2,4

1.020

1.002

-1,8

Polonia

22.773

24.630

8,2

6.000

6.550

9,2

6.350

6.400

0,8

Lettonia

512

526

2,7

124

127

2,4

119

 

 

Lituania

1.367

1.389

1,6

347

359

3,5

338

361

6,8

Estonia

515

510

-1,0

125

120

-4,0

130

115

-11,5

Slovacchia

1.533

1.427

-6,9

410

380

-7,3

360

 

 

Slovenia

681

725

6,4

171

170

-0,8

184

180

-2,0

Malta

108

106

-2,3

26

27

3,4

24

24

0,0

Cipro

672

653

-2,8

154

153

-0,6

154

157

1,9

EUR 15

206.629

205.767

-0,4

52.100

 

 

49.731

 

 

EUR 25

243.783

244.395

0,3

61.693

 

 

59.460

 

 

  Fonte: dati Eurostat

 

Per quel che riguarda i prezzi, gli ultimi tre mesi del 2006 si dovrebbero chiudere con un andamento positivo delle quotazioni per la maggior parte dei paesi comunitari; fanno eccezione, tra i maggiori produttori europei, la Germania e la Polonia, che dovrebbero registrare un ribasso  rispetto allo stesso periodo del 2005.

Secondo le previsioni realizzate, nei primi sei mesi del 2007 prosegue il trend negativo delle quotazioni per Germania e Polonia, cominciano a calare i prezzi in Francia e, a partire dal mese di aprile, anche in Danimarca ed in Olanda.  

L’andamento delle quotazioni dovrebbe invece essere positivo per la Spagna ed il Regno Unito, sia nell’ultimo trimestre del 2006, sia nei primi sei mesi del 2007. Anche per quel che riguarda l’Italia la situazione si prospetta abbastanza stabile: gli ultimi mesi del 2006 dovrebbero concludersi con un aumento del  4,2% rispetto ai prezzi dello stesso trimestre del 2005, mentre nel primo trimestre del 2007 il mercato dovrebbe avere un andamento stazionario, con la possibilità di una nuova crescita dei prezzi a partire dal mese di aprile 2007.  Sono purtroppo sempre possibili brutte sorprese nel caso dovessero proseguire le difficoltà del Prosciutto di Parma. 

 

 

PREZZI DELLE CARCASSE DI CLASSE E (Classe R per l’Italia)

2005/2006

2006/2007

4° trimestre                                                     (ottobre-novembre-dicembre)

1° trimestre                                                         (gennaio-febbraio-marzo)

2° trimestre                                                        (aprile-maggio-giugno)

Paesi

2005

2006

Diff.% 06/05

2006

2007

Diff.% 07/06

2006

2007

Diff.% 07/06

Germania

1,474

1,430

-2,95

1,450

1,380

-4,80

1,562

1,450

-7,17

Spagna

1,330

1,375

+3,38

1,508

1,527

+1,29

1,620

1,638

+1,10

Francia

1,334

1,370

+2,69

1,374

1,330

-3,18

1,399

1,320

-5,65

Danimarca

1,229

1,288

+4,80

1,186

1,221

+2,95

1,296

1,194

-7,90

Olanda

1,316

1,370

+4,12

1,280

1,330

+3,91

1,394

1,300

-6,77

Italia

1,399

1,458

+4,20

1,488

1,500

0,8

1,420

1,450

2,10

Regno Unito

1,458

1,527

+4,73

1,426

1,512

+6,01

1,442

1,541

+6,86

Belgio

1,337

1,340

+0,23

1,316

1,370

+4,09

1,438

 

 

Portogallo

1,403

1,500

+6,91

1,556

1,560

+0,26

1,667

1,600

-4,02

Austria

1,433

1,390

-3,00

1,433

1,360

-5,12

1,526

1,410

-7,62

Grecia

1,929

1,850

-4,08

1,966

1,750

-11,0

1,937

1,650

-14,82

Finlandia

1,346

1,340

-0,46

1,331

1,340

+0,67

1,315

1,360

+3,46

Svezia

1,364

1,414

+3,68

1,314

1,328

+1,08

1,322

 

 

Irlanda

1,335

1,440

+7,87

1,308

1,400

+7,03

1,378

1,420

+3,03

Lussemburgo

1,479

 

 

1,456

 

 

1,567

 

 

Ungheria

1,437

1,417

-1,35

1,415

1,417

+0,13

1,361

 

 

Repubblica Ceca

1,464

1,506

+2,85

1,393

1,435

+3,00

1,437

1,470

+2,35

Polonia

1,329

1,165

-12,39

1,230

1,177

-4,24

1,229

 

 

Lettonia

1,493

 

 

1,519

 

 

1,521

 

 

Lituania

1,439

 

 

1,403

 

 

1,424

 

 

Estonia

1,364

 

 

1,346

 

 

1,376

 

 

Slovacchia

1,468

 

 

1,426

 

 

1,378

 

 

Slovenia

1,495

 

 

1,428

 

 

1,395

 

 

Malta

1,607

 

 

1,607

 

 

1,607

 

 

Cipro

1,866

 

 

1,863

 

 

1,902

 

 

EUR 25

1,376

1,369

-0,55

1,390

1,374

-1,17

1,455

1,438(*)

-1,17

 

 

 

 

 

 


Fonte: dati DG Agricoltura della Commissione Europea e degli esperti degli Stati membri. Per l’Italia i prezzi sono elaborazioni ANAS su dati di Istituti statistici e di mercati nazionali

(*) Si tratta di una previsione con un livello inferiore di affidabilità a causa della mancanza di molte stime nazionali.

 

 

 

Mercato suini, carni e materie prime per mangimi

Andamento dei prezzi nei primi nove mesi 2006

 

Il trend di mercato del settore suinicolo italiano nei primi nove mesi del 2006 è stato supportato da  livelli produttivi costanti e da un andamento sostenuto dei prezzi a livello comunitario.

 

Sui mercati di Modena, Mantova e Milano, il suino pesante da 156/176kg ha registrato un prezzo medio pari a 1,239   €/kg pv, superiore del 10,9% rispetto allo stesso periodo del 2005.

Il suino da macelleria di 90-115 kg ha subito nello stesso periodo un incremento del 13,2% rispetto all’anno precedente: la quotazione media registrata sulle piazze italiane di Modena e Milano nei primi nove mesi del 2006 è pari a 1,294€/kg.

Positivo anche l’andamento dei suinetti da 15-25kg, il cui prezzo medio registrato sui tre mercati, pari a 3,015 €/kg, è aumentato del 4,6% rispetto ai primi nove mesi del 2005.

Nelle prime settimane degli ultimi tre mesi dell’anno il mercato italiano registra un andamento al ribasso delle quotazioni dei capi suini da 156/176kg e 90/115kg mentre rimane costante il prezzo dei suinetti da 15-25 kg.

 

Sul mercato di Modena i prezzi dei tagli hanno registrato i seguenti andamenti: la quotazione media della coppa (pari a 3,287€/kg) è aumentata del 14,4% rispetto all’anno precedente, come pure le quotazioni dei lombi cresciuti del 15,8%. Sono in aumento  anche i prezzi delle spalle, la cui quotazione media (pari a 2,514€/kg.) è cresciuta del 7,8% e una ripresa dei prezzi rispetto allo scorso anno si registra anche per le cosce destinate alle produzioni tipiche da 12/15 kg che, nei primi nove mesi del 2006, hanno registrato una media di 3,566€/kg, in aumento del 6,1%.

Nelle prime settimane del quarto trimestre, per coppa e spalle e cosce destinate alle produzioni tipiche si registra un andamento al ribasso delle quotazioni, mentre rimane costante il valore di mercato dei lombi.

 

Nel periodo è calato il prezzo delle carni lavorate: il prosciutto di Parma da 8,5-11 kg, registrando una quotazione media di 9,078 €/kg, ha subito una flessione del 6,2% rispetto allo stesso periodo del 2005. Questo andamento sta facendo preoccupare i suinicoltori italiani per i possibili futuri scenari del settore.

 

Per quanto concerne i prezzi delle materie prime per mangimi, si segnala una crescita sostenuta: la crusca di frumento ha registrato nei nove mesi una media di prezzo pari a 86,18€/t, superiore del 8,4% rispetto al 2005. Analogo l’andamento del prezzo del mais nazionale comune, la cui quotazione media di 137,25 €/t, è aumentata  del 7,6%; in aumento anche l’orzo, il cui prezzo medio (141,93€/t) è cresciuto del 4,1% rispetto al 2005. Il tendenziale aumento di queste materie prime per mangimi è confermato anche nelle ultime settimane, mentre cala invece la quotazione della farina di estrazione di soia, costata in media nei primi nove mesi del 2006, 201,54€/t (- 8% rispetto allo stesso periodo del 2005).

 

 


 

MEDICINALI VETERINARI

LA QUESTIONE DELL’ART. 81, COMMA 2, DEL D.LGS. 193/06

 

Come già ampiamente illustrato nel precedente n. 7/06 di ANAS Notizie, il D. Lgs. 193/06, recependo il Codice comunitario dei medicinali veterinari, ha sostanzialmente riordinato le norme già esistenti in materia, ma ha anche introdotto alcune novità, tra le quali desta particolare preoccupazione tra gli allevatori il disposto dell’art. 81, comma 2.

Si ricorda che l’art. 81, che disciplina la tenuta delle scorte negli impianti di allevamento e custodia di animali destinati alla produzione di alimenti, stabilisce al secondo comma che “non possono formare oggetto delle scorte i medicinali veterinari contenenti antibatterici e chemioterapici da somministrarsi attraverso gli alimenti liquidi o solidi”.

Poiché la norma introduceva un improvviso divieto di detenzione di scorte di premiscele contenenti chemioterapici ed antibatterici (ancorché esse fossero autorizzate a fabbricare mangimi medicamentosi a partire da premiscele ai sensi del D.Lgs. 90/93), furono immediatamente chiesti dei  chiarimenti ai competenti uffici del Ministero della Salute.

Ad oggi il Ministero ha prodotto due circolari che sono state inviate agli Assessorati alla Sanità delle Regioni e ad alcune associazioni di categoria.

Dal disposto di queste due circolari datate 19 ottobre 2006, emerge quanto segue: con la prima si precisa che i Prodotti Intermedi ed i Mangimi medicati devono intendersi  esclusi dal divieto di cui all’art.81 del D.Lgs 193/06. E’ pertanto possibile tenere scorte sia di prodotti intermedi (cioè “i prodotti medicati ottenuti dalla miscelazione di una premiscela medicata autorizzata con uno o più mangimi”), sia di mangimi medicati, che rimangono disciplinati dal D. Lgs. 3 marzo 1993 n. 90.

Con la seconda nota dello stesso giorno, il Ministero fornisce indicazioni per ridurre i fenomeni di contaminazione crociata nella fabbricazione di mangimi medicati. Trattando la fase dello stoccaggio, questa circolare afferma che “le premiscele medicate devono essere stoccate in un locale chiuso a chiave che può coincidere con quello destinato alla detenzione dei farmaci, purché vi sia una netta separazione in modo tale da minimizzare errori di prelevamento o contaminazione tra i prodotti”. Questa disposizione sembra quindi reintrodurre la possibilità di detenere scorte di premiscele medicate nelle aziende con mangimificio riconosciuto.

Al momento rimane ancora completamente aperto il problema degli ex Medicinali Prefabbricati Veterinari, cioè dei medicinali da somministrare disciolti nell’acqua da bere o nei mangimi liquidi. Si tratta del problema più serio, poiché questa classe di medicinali ha avuto larga diffusione negli ultimi anni per la sua flessibilità e facilità d’impiego e per la sua efficienza.

Si confida nella disponibilità dell’Amministrazione pubblica a voler definire al più presto la questione anche perché, in assenza di una moratoria del divieto, la cui violazione è oggi punita con la multa da 2.600€ a 15.500€, vi è il concreto rischio di ingenerare confusione a livello operativo in un settore particolarmente delicato. Inoltre, il nuovo divieto riduce grandemente la funzione dell’armadietto delle scorte il quale, introdotto nel 1992, ha avuto un ruolo considerevole nel determinare, da allora, il miglioramento delle condizioni di utilizzo del farmaco veterinario e della farmaco vigilanza.

 


 

 

SUINI CINTO TOSCANO DOP: ACCORDATA LA PROTEZIONE TRANSITORIA

 

Sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 12 ottobre è stato pubblicato il Decreto 29 settembre 2006 del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con cui viene accordata la protezione transitoria sul territorio nazionale alla denominazione “Suino Cinto Toscano”, il cui disciplinare di produzione è stato inviato alla Commissione europea per la registrazione come DOP.

Secondo le disposizioni del disciplinare, la denominazione è riservata esclusivamente alle carni di animali di razza Cinta Senese nati e macellati in Toscana, allevati nella regione allo stato brado/semibrado in ambienti boschivi o su terreni adibiti al pascolo o alla coltivazione di cereali o foraggi, tipici della Toscana.

Il limite massimo di capi allevabile è pari a 1.500kg di peso vivo per ettaro.

L’alimentazione è in parte fornita dal pascolo e comunque è esclusivamente vegetale non prevedendo sieri, derivati del latte, farine di carne o pesce. Non sono comunque ammesse polpe di barbabietola, estratti di girasole, sanse di oliva, vinacce.

Gli animali macellati devono avere almeno dodici mesi di età.

Il definitivo riconoscimento della DOP da parte di Bruxelles sarebbe una nuova conquista per il settore suinicolo italiano, sempre più orientato a realizzare una produzione di elevata qualità, con un forte legame al territorio di origine.


 

PROSCIUTTI DOP

 

Il distretto di Parma conferma la contrazione produttiva. Infatti, il numero di cosce introdotte per le lavorazioni a DOP fino ad ottobre è stato di poco inferiore a 7.700.000 pezzi, facendo segnare una riduzione del 6,16% rispetto allo stesso periodo del 2005.

A San Daniele invece il dato è in crescita (+ 3,3%), il numero di cosce salate per produzione tipica è stato di 2.237.553.


 

INTENSO PROGRAMMA DI RIUNIONI

 

Nel corso degli ultimi mesi si sono tenute una serie di importanti riunioni, coordinate dal presidente Gusmaroli.  In particolare, d’intesa con le Organizzazioni professionali agricole, a Reggio Emilia – il 7 settembre – ed a Mantova – il 26 ottobre - sono stati discussi con i commissari agricoli presso le Borse merci i problemi di funzionamento delle commissioni prezzi; a Bologna – il 20 ottobre – sono stati esaminati con i rappresentanti agricoli presso gli organismi interprofessionali aspetti riguardanti l’attività del circuito DOP; a Crema – l’8 novembre – c’è stato un approfondimento su temi di comune interesse con le Organizzazioni di prodotto. Inoltre, il 19 ottobre si è riunito a Bologna il “gruppo di lavoro razze autoctone” per esaminare un documento di indirizzo dell’attività di conservazione e valorizzazione di tipi genetici autoctoni, ed il 10 novembre a Reggio Emilia si sono svolte due riunioni: la prima con le APA sulle iniziative per migliorare il trasferimento dei risultati della selezione, la seconda con il Comitato consultivo mostre per il parere sul calendario delle manifestazioni ufficiali del 2007.

 


PASSERELLA VERRI I.A. ED ASTA

 

Mercoledì 18 ottobre u.s. presso la Semenitaly di Modena si è tenuta la periodica presentazione dei verri operanti in I.A. nello Schema di Selezione del “Suino da Salumeria” e l’Asta dei verri che hanno completato il periodo di produzione convenzionata.

Il Centro verri dell’Ente Lombardo Potenziamento Zootecnico (LO) si è aggiudicato il verro Landrace italiana KRONOS-IF SPL00714 per € 2.651,82 (IVA esclusa), il Centro verri dell’APA di Cuneo si è aggiudicato il verro Large White italiana OANNES-FL CN046725 per € 2.459,44 (IVA esclusa), mentre il Centro di F.A. suina di Asola (MN) si è aggiudicato il verro Landrace italiana KLIVIO-IF per € 2.457,50 (IVA esclusa).

Al termine dell’asta è stata effettuata la presentazione dei seguenti giovani verri entrati di recente nel circuito I.A. del Libro genealogico: OLENO-IA Large White italiana PR014730, OKEANOS-IM Large White italiana CVP00252 e KUBO-IF Landrace italiana PRM10254.


 

TIPI GENETICI AUTOCTONI – CONVEGNI

 

Il 21 ottobre a Teano (Caserta), organizzato dal CONSDABI diretto dal prof Matassino, si è tenuto un interessante seminario sulle prospettive delle razze autoctone italiane. I lavori sono stati coordinati dal presidente della CTC prof Russo. Si è trattata tra l’altro di una utile occasione per illustrare l’attività del registro anagrafico riguardante la razza Casertana.

Il 4 novembre ad Orgosolo (Nuoro), organizzato dall’Istituto lattiero caseario della Sardegna, è stata organizzata una importante giornata per confrontare le esperienze di conservazione di alcune razze autoctone e per illustrare la situazione e le prospettive della nuova attività del Registro anagrafico prevista per la razza Sarda. Il convegno è stato chiuso da un intervento del dr Scala – dirigente  MiPAAF.


 

NOVITA’ DELL’ALBO DEI REGISTRI SUINI RIPRODUTTORI IBRIDI

 

Il 31 ottobre u.s. si è riunito il Comitato Tecnico Ibridi, presieduto dal prof Martelli. Il Comitato ha esaminato numerose richieste di riconoscimento di nuovi programmi di ibridazione, di aggiornamento di alcuni programmi già autorizzati, e di approvazione di nuovi allevamenti collegati all’attività dei Registri iscritti. In particolare ha espresso il proprio parere favorevole:

  • all’iscrizione all’Albo del registro “La Roggia” di Valtulini G. per la produzione di una scrofetta ibrida,
  • al riconoscimento dei seguenti tipi genetici: Verro DOPY della Hypor, Verro Goland R+ della Gorzagri che sostituirà il Verro ibrido Goland C40, Tempo della HBI e Camborough 26 della PIC Italia,
  • al riconoscimento del nuovo nome “Tricolore” per il registro tenuto dall’APA di Reggio Emilia ed all’aggiornamento dei tipi genetici prodotti dallo stesso: Verro Tricolore, Verro Forma, Scrofetta Tricolore e Scrofetta Padana

 

Inoltre, il CTI ha rilevato l’esistenza di alcune “non conformità” operative riguardanti tipi genetici riconosciuti ed ha adottato i conseguenti provvedimenti di blocco della certificazione, ha aggiornato alcune norme riguardanti la gestione della riproduzione in purezza delle linee di fondazione ed ha approvato le norme per il confronto in stazione delle prestazioni di 11 tipi genetici “scrofette ibride”.

 

La prova si svolgerà nel corso del 2007 presso il Centro genetico ANAS di Arezzo e riguarderà i seguenti tipi genetici: Dunel60 e Dalland40 del registro HBI, L1050 del registro PIC Italia, T&T1 del registro Nerviano, Naima del registro Zanichelli, Top Hybrid del registro Hermitage Italia, GIL LandW del registro Gilberti, Scrofetta Morenicas del registro Levoni Sereni, Scrofetta ibrida Pina del registro Unipig, Scrofetta ibrida CD del registro Hypor Italia e Scrofetta Monviso del registro Valfrè.