ANAS NOTIZIE

ANNO  2005  -  Numero  8

 

 

 

 

Sommario

 

·        Mercati Agricoli 2005-2012
Le previsioni di medio termine della Commissione UE

 

·        Organi Direttivi ANAS
- Le riunioni di Giunta e Comitato direttivo

 

·        Prosciutti DOP – Rimane debole l’andamento della salature

 

·        Verri I.A. – Successo delle passerelle e delle aste

 

·        Novità dell’Albo Ibridi

 

·        2° Meeting “Selezione”  Ottima la riuscita dell’iniziativa validamente
organizzata dall’APA di Milano – Lodi il 28 giugno scorso.

 

·         EPSPA Meeting 2005

 

·        Approvate le modifiche delle norme del Libro genealogico e del
Registro anagrafico

 

·        Comunicazione e formazione

 

·        Pizzagalli al vertice di ASSICA

 

·        I probiotici nella nutrizione animale
-A Roma il 1° seminario-6 settembre u.s.



 

 


MERCATI AGRICOLI 2005 - 2012

LE PREVISIONI DI MEDIO TERMINE DELLA COMMISSIONE UE

 

La Commissione ha pubblicato in luglio l’aggiornamento delle previsioni circa i mercati agricoli europei e mondiali fino al 2012.

 

La produzione di carne suina dovrebbe aumentare ad un tasso inferiore a quello registrato negli anni novanta. Nel 2012 è prevista una produzione della UE-25 di circa 22 milioni di tonnellate (18.664.000 t  nella UE-15 e 3.334.000 nei 10 nuovi Paesi membri).

I consumi sono in aumento e dovrebbero superare all’interno dell’Unione i 20 milioni  di tonnellate, con un consumo pro capite che passerebbe dai 43,5 Kg del 2004 ai 44,4 Kg del 2012.

L’andamento delle esportazioni dovrebbe mantenere un trend leggermente espansivo (1.343.000 t nel 2012) mentre saranno più intensi gli scambi all’interno della UE.

 

In merito alle suinicolture extra UE, la Commissione ha utilizzato i dati di diverse agenzie internazionali OECD, USDA e FAPRI. Le previsioni indicano una espansione della produzione e dei consumi mondiali, trascinati dalla crescita demografica e del reddito dei Paesi asiatici e latino americani. La Cina da sola dovrebbe contribuire a circa il 60 % dell’aumento produttivo mondiale nei prossimi sette anni. Altre suinicolture in forte crescita sono: Brasile, Messico, Canada e Russia.

 

In merito alle quote di mercato mondiale, le previsioni individuano nel Canada e nel Brasile le realtà che registreranno i maggiori progressi. In particolare il Brasile rafforzerà ulteriormente la propria competitività grazie al miglioramento della produttività, a politiche fiscali e creditizie che incoraggiano gli investimenti, ed alla debolezza del cambio.

 

 

 


ORGANI DIRETTIVI ANAS

-Le riunioni di Giunta e Comitato direttivo del 14 e 15 luglio u.s.

 

La sintesi dei principali argomenti trattati:

 

Produzioni DOP

 

E’ stata esaminata la situazione del Progetto DOP Gran Suino Padano. L’Associazione è capofila dell’Associazione temporanea di impresa, costituita assieme ad UNAPROS e ASSICA, che ha promosso la richiesta di riconoscimento comunitario. Il definitivo avvio dell’operatività di valorizzazione di ogni taglio della carcassa del suino pesante è una condizione di estrema importanza per il rilancio della suinicoltura italiana.

 

Sono state approfondite alcune problematiche riguardanti la gestione di eventuali “non conformità delle cosce”.

 

Iniziative legislative

 

Sono state messe in luce le dannose conseguenze che deriverebbero alla suinicoltura nazionale da una eventuale definitiva approvazione del disegno di legge “100% italiano", già approvato dalla Camera dei Deputati il 30 maggio scorso. Inoltre è stato esaminato il contenuto del decreto interministeriale per la tutela nazionale dei salumi tradizionali, recentemente promulgato dal Ministero delle Attività Produttive.

Le due iniziative minano in modo preoccupante la politica di valorizzazione del lavoro dei suinicoltori italiani, attuata attraverso lo sviluppo e l’attenta gestione dei marchi DOP, unico modo per assicurare uno stretto legame col territorio e la conservazione del nostro patrimonio di tipicità sinonimo di qualità”differenziata”.

 

Attività circuito Marchio “Suino Mediterraneo

 

E’ stato fatto il punto della situazione e ribadita l’opportunità di continuare ad assicurare la gestione del circuito, che presenta interessanti profili per lo sviluppo di processi di differenziazione produttiva della suinicoltura italiana.

 

CRSA

 

E’ il nuovo Consorzio Ricerca e Sperimentazione per gli allevatori, costituito da AIA e ISILS Istituto Sperimentale Lazzaro Spallanzani. Il Consorzio rappresenta lo strumento del “Sistema degli allevatori” per l’attuazione di politiche di indirizzo della ricerca e di tempestivo ed efficiente utilizzo dei risultati della stessa.

 

Borse merci

 

E’ stata ribadita la necessità di confermare in modo compatto le posizioni ripetutamente assunte dal mondo agricolo in ordine al mantenimento di un sistema plurale di piazze e di avviare l’aggiornamento del funzionamento delle Borse a carattere nazionale, secondo le linee guida elaborate nell’ambito del Tavolo Interprofessionale Permanente.

 

Mostre del Libro genealogico

 

L’evoluzione delle esigenze degli allevatori e dei programmi di attività dei diversi Enti Fiera impongono una approfondita verifica della organizzazione del Calendario annuale. Su questo aspetto sarà organizzato un momento di consultazione con gli allevatori interessati alla fine del mese di settembre.

 

 

 


PROSCIUTTI DOP – RIMANE DEBOLE L’ANDAMENTO DELLE SALATURE

 

Nei primi sette mesi dell’anno il distretto di Parma ha fatto registrare una attività significativamente rallentata rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il numero di cosce salate per produzioni DOP Parma ammontavano a 5.698.000, in riduzione del 3,5% rispetto al 2004.

 

Leggermente migliore la situazione nel distretto di San Daniele che dall’inizio dell’anno a fine luglio ha introdotto 1.499.577 cosce, facendo registrare una piccola crescita del 0,9% ben al di sotto della soglia del 3% di crescita programmata stabilita dal Comitato interprofessionale (D.Lgs 173/98) ed approvata dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali con DM 18.04.2005.

 

Di contro risultano in forte crescita le lavorazioni non tipiche: per esempio a San Daniele si registra un tasso di crescita superiore al 28%. Fenomeno questo confermato dai dati dei primi mesi del circuito DOP che evidenziano l’aumento (superiore al 41%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente della destinazione ad altre lavorazione delle cosce, appartenenti a suini regolarmente certificati.

 


VERRI I.A. – Successo delle passerelle e delle aste

 

Venerdì 1 luglio e mercoledì 27 luglio e 24 agosto u.s. presso la Semenitaly di Modena si sono tenute le periodiche presentazioni dei verri operanti in I.A. nello Schema di Selezione del “Suino da Salumeria” e le Aste pubbliche dei verri che hanno completato il periodo di produzione convenzionata.

 

Elpzoo di Zorlesco (LO) si è aggiudicato i verri:

 

Landrace Italiana IPNOS-HE CAB11662            prezzo € 2.203,84 (IVA esclusa)

Large White Italiana IBI-DU AAM14066               prezzo € 1.863,04 (IVA esclusa)

 

Semenitaly (MO) si è aggiudicata i soggetti:

 

Large White italiana ICHESIO-DO SPL00180    prezzo  € 1.840,32 (IVA esclusa)

Large White italiana IOLAO-EO LO024970        prezzo  € 2.198,16 (IVA esclusa)

Large White italiana IGEO-EV BS094669          prezzo  € 2.067,52 (IVA esclusa)

 

Centro di Fecondazione artificiale suina di Asola (MN) ha acquistato i verri:

 

Duroc italiana PTAH BS095015                           prezzo € 1.835,78 (IVA esclusa)

Large White italiana ILEO-EZ PEA22390           prezzo € 2.289,42 (IVA esclusa)

 

Az. Agr. Previdenza (CA) si è aggiudicata il soggetto:

 

Large White italiana IFI-EN BS094537                prezzo € 2.147,04 (IVA esclusa).

 

La presentazione dei “giovani verri I.A.” ha riguardato:

IREO L MAR03168; IPERONE-EO LW LO024385; IRTACO-AU LW BTZ00935; ISIDORO-AG LW BS095491; IVAN-EZ LW FG004851; JAMES-FO LW UPG07036; JUNIOR-IL L LO027090;  ITACO L CAB12258; PUSHAN D LO025431; KERCYI-GA LW AAM15800; RAHU-PA D BS096000.

 

 

 


NOVITA’ DELL’ALBO IBRIDI

 

Con DM 23073 del 22 luglio 2005 il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali  ha stabilito quanto segue:

 

Cambio Nome Registri:

 

Il Registro Progeo scrl assume il nome “Progeo Mangimi spa”; il Registro S. Fosca di Gemin A. assume il nome “Suffolk” e il Registro Az. Agr. Allevamenti di Nerviano di F. Pizzagalli sas assume il nome “Allevamenti di Nerviano”.

 

Cessazione Registri

 

L’attività del Registro Dallari Bondanini Alberto è cessata il 26.05.2005, quella del Registro Agricola Zootecnica Marchigiana srl è cessata il 31.08.2005.

 

Nuovi tipi genetici ed aggiornamenti programmi di ibridazione

 

Il Registro HBI srl è autorizzato:

 

  • alla produzione dei tipi genetici A-line (qualifica selezione), Dalland40 (qualifica produzione, femmina) e Dunel160 (qualifica produzione, femmina)
  • a ridenominare il tipo genetico Scrofetta Dunel in D-NL6, il t.g. Scrofetta F1 Stambo in Stambo20, il t.g. Fomeva in Fomeva11, il t.g. Krusta1 in Krusta41, e il t.g. Delta1 in Delta31

 

Il Registro Peschiera ss è autorizzato a produrre il t.g. Femmina Nella (qualifica moltiplicazione, femmina)

 

Il Registro APA di Reggio Emilia è autorizzato alla produzione del t.g. Scrofetta LD1797 (qualifica produzione, femmina)

 

Cessazione tipi genetici

 

Il Registro Hypor Italia srl ha interrotto la produzione del t.g. Linea D (qualifica selezione).

Il Registro Gorzagri ss ha cessato la produzione dei t.g. Linea X20 (qualifica selezione) e Scrofetta Goland (qualifica produzione, femmina).

 


2° MEETING "SELEZIONE" Ottima la riuscita dell'iniziativa validamente organizzata dall'APA di Milano – Lodi il 28 giugno scorso.

Il meeting ha visto la "impegnata" partecipazione di un nutrito gruppo di allevatori e tecnici APA. La giornata si è aperta con una interessante presentazione di soggetti selezionati dell'Azienda Madonini F.lli.

Successivamente i partecipanti hanno approfondito con Gallo aspetti tecnici ed organizzativi dell’attività di miglioramento genetico.

In particolare sono stati esaminati i risultati ottenuti dallo Schema di Selezione delle razze del suino pesante, le caratteristiche dei riproduttori selezionati ed i criteri di utilizzo nei programmi di produzione aziendali.

 Lambri dell'APA Milano - Lodi ha presentato interessanti dati sulle prestazioni riproduttive di scrofe appartenenti a diversi tipi genetici ed ha dettagliatamente informato sulle diverse iniziative tecniche gestite dall'APA stessa a sostegno del lavoro degli allevatori.

I lavori sono stati coordinati dal presidente Gusmaroli.

 

 


EPSPA Meeting 2005

 

EPSPA (European Pig Selection and Production Association) è l’organizzazione europea delle Associazioni degli allevatori che si occupano prevalentemente del miglioramento genetico dei suini.

 

L’assemblea 2005 è stata ospitata dal 31 agosto al 2 settembre scorso dall’Associazione della Repubblica Ceca ed ha visto la partecipazione di 12 Paesi: Austria, Belgio, Cechia, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Lettonia, Olanda, Svezia. La delegazione italiana era composta dai vice presidenti Malavasi e Testa e dal consigliere Gorza, accompagnati dal direttore Gallo.

 

L’incontro annuale è prevalentemente incentrato sullo scambio di informazioni sullo stato delle diverse suinicolture. Tra gli argomenti trattati uno spazio di riguardo è stato riservato allo sviluppo della produzione suinicola all’interno della UE, all’organizzazione veterinaria di alcuni Paesi europei, a questioni riguardanti l’evoluzione dei programmi di miglioramento genetico delle razze suine e le procedure seguite per il riconoscimento ed il controllo delle diverse organizzazioni che si occupano di genetica. La relazione sullo stato della suinicoltura italiana è stata presentata dal dr Malavasi,  vice presidente EPSPA.

 

Una sintesi dei report dei diversi Paesi sarà presentata nei prossimi numeri di questo notiziario.

 

L’Associazione Ceca ha pure organizzato interessanti visite ad allevamenti e centri di IA.

 

 

 


APPROVATE LE MODIFICHE DELLE NORME DEL LIBRO GENEALOGICO E DEL REGISTRO ANAGRAFICO

 

Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali con DM n. 23113 del 28 luglio 2005 ha approvato gli aggiornamenti deliberati dalla Commissione tecnica centrale nella riunione del 25.05.2005.

 

Le modifiche riguardano:

 

  • l’istituzione della divisione della razza Landrace Belga nel Registro anagrafico - registro delle razze estere a limitata diffusione in Italia –(art 3 Disciplinare del Lg e del Ra della specie suina) e la conseguente cancellazione della precedente divisione del Libro genealogico (art 2 Disciplinare del L.g. e del R.a. della specie suina)

 

  • l’aggiornamento a partire dal 01/01/2007 del requisito per l’iscrizione delle scrofe Large White italiana e Landrace italiana alla sottosezione “madri verro” – Indice prolificità di uscita non inferiore a 0,00 (Quadro D Norme tecniche).

 

I testi delle norme in oggetto, unitamente alla copia del Decreto ministeriale, sono presenti sul sito www.anas.it.

 

 


COMUNICAZIONE E FORMAZIONE

-Interessante lavoro dei “gruppi tematici del Comitato direttivo”

 

Il 15 luglio scorso si sono riuniti i gruppi di lavoro del Comitato direttivo riguardanti le tematiche della comunicazione e della formazione per dibattere su come migliorare la comunicazione in entrambe le direzioni tra l’Associazione, le Sezioni APA ed in ultima istanza l’allevatore, valorizzando il ruolo del “consigliere ANAS”; e su quali iniziative possano essere messe in cantiere per favorire una partecipazione dei giovani allevatori alla vita associativa.

 

 


PIZZAGALLI AL VERTICE DI ASS.I.CA.

 

Il dr Francesco Pizzagalli è il nuovo presidente dell’Associazione Industriali delle Carni. E’ stato eletto il 18 giugno scorso e succede al rag. Vittore Beretta. Pizzagalli rappresenta l’azienda di famiglia Fumagalli Industria Alimentari SpA ed opera in un gruppo attivo anche nel settore dell’allevamento suino con gli Allevamenti di Nerviano srl.

 

 


I PROBIOTICI NELLA NUTRIZIONE ANIMALE

-A Roma il 1° Seminario – 6 settembre u.s.

 

L’EPA European Probiotic Association ha organizzato un interessante seminario nel corso del quale scienziati, tecnici e mangimisti si sono confrontati su temi quali: gli aspetti regolatori, i meccanismi d’azione, le modalità di utilizzo. Considerato l’imminente divieto di utilizzo in Europa degli antibiotici come promotori di crescita, i probiotici possono costituire una efficace soluzione per favorire un buon stato di salute degli animali allevati e buone prestazioni produttive.